Posti in tribuna e app, circuito Misano riparte per MotoGp

Mwc riapre al pubblico, deroga da Regione per 10mila spettatori

Seduti in tribuna, con posti distanziati e assegnati per nome e cognome, prati preclusi al pubblico, un'applicazione su smartphone per trovare ingressi e parcheggi scongiurando assembramenti, il paddock che diventa una "bolla" riservato a piloti e addetti ai lavori, mascherine sempre indossate tranne quando si è seduti al proprio posto. Così il Misano World Circuit riapre le porte al pubblico ai tempi della pandemia del Sars-Cov2. L'occasione sono i prossimi due MotoGP: il Grand Prix di San Marino (11-13 settembre) e il Gp dell'Emilia-Romagna (18-20 settembre).

La novità principale riguarda la capienza dell'impianto che normalmente su oltre 65 ettari arriva a ospitare più di 100mila spettatori. Questa è stata ridotta al 10%: fino a 10mila gli spettatori ammessi in presenza - grazie a una deroga concessa il 13 agosto dalla Regione Emilia-Romagna - e solo nelle tribune, dove da agosto si è lavorato per riadattarle. Sono state smontate 40mila sedute, riposizionate a distanze sempre sopra al metro. Gli spettatori dovranno acquistare biglietti nominali in prevendita. Non ci saranno casse in autodromo. C'è un parcheggio per ogni tribuna, con ingressi e uscite separate. Circa 700 steward saranno preposti ai controlli per evitare assembramenti. Nei giorni scorsi è stata rilasciata un'applicazione per smartphone, una sorta di assistente virtuale per spostarsi in sicurezza.

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere
    Aeroporto di Bologna



    Modifica consenso Cookie