A Gubbio una grande mostra dedicata Federico da Montefeltro

In occasione delle celebrazioni dei 600 anni da nascita del duca

Redazione ANSA GUBBIO (PERUGIA)

 GUBBIO (PERUGIA) - Un percorso che si snoda attraverso Palazzo Ducale, quello dei Consoli e il museo diocesano con un'ampia selezione di libri, manoscritti, dipinti, documenti, medaglie, monete, armi, armature, sculture e arredi per scoprire nella totalità la celebre figura di Federico da Montefeltro: Gubbio partecipa così alle celebrazioni dei 600 anni dalla nascita del duca che, secondo più biografi, ha avuto i natali proprio nella città umbra. Dal 20 giugno al 2 ottobre la grande mostra "Federico da Montefeltro e Gubbio. Lì è tucto el core nostro et tucta l'anima nostra" è quindi ospitata nei tre luoghi espositivi più emblematici della città.
    La vita di corte, le arti, la guerra, la cultura umanistica e le scienze sono raccontate dalle opere concesse in prestito da prestigiose istituzioni italiane e straniere nonché da collezionisti privati. Dalla biblioteca Apostolica vaticana, ad esempio, che conserva l'intera biblioteca di Federico e dei suoi successori, giungono eccezionalmente quindici manoscritti.
    L'esposizione - a cura di Francesco Paolo Di Teodoro con Lucia Bertolini, Patrizia Castelli e Fulvio Cervini - accende quindi i riflettori su questo illustre personaggio della storia italiana, grande condottiero, capitano di ventura e uno dei principali mecenati del Rinascimento.
    Ogni sede della mostra ospita un ambito peculiare con più sezioni che abbracciano nella totalità la figura celebre di Federico da Montefeltro. A Palazzo Ducale è raccontata la vita di corte, le vicende costruttive del palazzo e le arti a Gubbio nel periodo feltresco. Palazzo dei Consoli presenta una prima sezione dedicata al fare, guardare e pensare la guerra all'epoca di Federico da Montefeltro e un'altra alla cultura umanistica del duca. Al Museo Diocesano, infine, l'esposizione è dedicata alle scienze matematiche, astronomiche e astrologiche, particolarmente care alla corte e al duca.
    La mostra diventa anche occasione per rileggere la storia di Gubbio tra la fine del Trecento e gli inizi del Cinquecento: ripercorre quindi i momenti gloriosi vissuti dalla città di Federico e del figlio Guidubaldo, l'ultimo dei Montefeltro, dalla nascita del duca nel 1422 alla morte nel 1508.
    I natali eugubini di Federico sono avvalorati dalle sue stesse parole che scrive nel 1446, ricordando che a Gubbio - dove inoltre fece edificare un proprio palazzo - andavano il suo affetto e la massima intensità dei suoi sentimenti: "Perché ve acertamo che lì è tucto el core nostro et tucta l'anima nostra", frase che diventa anche motivo di titolo per la mostra.
    La mostra è promossa dal Comitato nazionale per la celebrazione del sesto centenario della nascita di Federico da Montefeltro, Direzione regionale musei Umbria, Comune di Gubbio, Diocesi, Palazzo Ducale, Palazzo dei Consoli e museo Diocesano con il contributo della Regione Umbria, il sostegno della Fondazione Perugia, in collaborazione con Gubbio Cultura e Multiservizi e Festival del Medioevo.
    Il catalogo è di Silvana editoriale. L'organizzazione è affidata a Maggioli Cultura. Per informazioni: www.mostrafedericogubbio.it. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie