Hotel petfriendly, le regole per amici a 4 zampe

Aperidog, feste di Capodanno e banchetti per gli amici a 4 zampe

di Ida Bini RIMINI

RIMINI - Aperidog, feste di Capodanno e banchetti per gli amici a 4 zampe; sgambatoi e piscine specializzate, ma anche cuscini e pasti personalizzati. Sono sempre più numerosi gli alberghi che offrono servizi specifici nell'ospitalità agli amici a 4 zampe, definendosi petfriendly; in realtà, la maggior parte di loro non è pronta ad accogliere in modo professionale. Lo spiega al TTG Travel Experience, la fiera internazionale del turismo di Rimini, l'esperto Fabio Bullini nell'evento "Hai un Hotel Pet Friendly? Come scrivere il Regolamento Pet del tuo Hotel".
    Per tutelare gli ospiti delle strutture ricettive e i loro amici a 4 zampe, infatti, è necessario un regolamento, strumento di lavoro fondamentale per gestire le criticità e garantire vacanze tranquille a tutti.
    "Il 50% delle strutture ricettive italiane si considera petfriendly - spiega Bullini - ma quelle realmente specializzate nell'ospitalità degli amici a 4 zampe si contano solo sulle dita di una mano. I più improvvisano o non sono in grado di fare fronte a tutte le esigenze degli ospiti e dei loro animali". E' realista Fabio Bulloni, consulente turistico del settore pet, che sul sito mypethotel.it, portale specializzato nelle vacanze in Italia con gli animali, offre consigli, offerte e marchi "bau" di qualità delle strutture petfriendly. "E' necessario un regolamento pet con una decina di punti fermi - spiega Bullini - e innanzitutto bisogna accogliere cani di tutte le taglie; usare il guinzaglio nelle parti comuni delle strutture alberghiere; evitare di lasciare soli gli animali nelle camere; offrire servizi specifici, dalle ciotole ai cuscini e ai tiragraffi. E, ancora, mettere a disposizione educatori cinofili con attività ludiche e luoghi indicati per il benessere degli animali, a partire dal veterinario e dal ristorante con menu personalizzati e pensare anche a offrire piscine, aree verdi e spiagge attrezzate".
    E' importante che le strutture - dagli alberghi ai campeggi, dagli agriturismo ai resort, dai residence ai villaggi - siano professionali e aperte a ogni esigenza per chi viaggia con il proprio amico a 4 zampe: devono poter fra fronte alle richieste di coppie in cerca di vacanze romantiche, di chi viaggia da solo o chi si muove con l'intera famiglia.
    D'altronde il numero di turisti accompagnati da cani e gatti è in continua crescita, così come è in aumento il fatturato del settore. "Chi viaggia con gli animali da compagnia è pronto a spendere", assicura Fabio Bulloni. I primi ad aprirsi alla cultura dell'accoglienza degli animali, diffusa soprattutto negli Stati Uniti e in Germania, sono stati gli stabilimenti balneari e poi le strutture alberghiere della Romagna, del Veneto e della Toscana. Ora la start up Mypethotel è uno strumento utile per conoscere le migliori strutture ricettive specializzate in vacanze a 4 zampe, in attesa però che tutte adottino presto il regolamento proposto da Fabio Bullini e diventare così un vero hotel petfriendly. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie