Brexit: Cia, tutelare export florovivaistico Made in Italy

In Uk vale 40 mln,Ue acceleri su procedure più snelle e digitali

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 17 FEB - Già duramente piegato dalla crisi per il Covid, il florovivaismo italiano dovrà, per risollevarsi, puntare sempre di più sui mercati esteri e fare i conti con il nuovo scenario europeo senza il Regno Unito, di fronte al quale, a tutela del comparto, servono procedure per l'export più snelle e digitali. Così Cia-Agricoltori Italiani e l'Associazione Florovivaisti Italiani in occasione del webinar "L'impatto della Brexit sul florovivaismo" che ha fatto il punto con Agenzia Ice, Agenzia delle Dogane e Copa-Cogeca. Per Cia e Florovivaisti Italiani, infatti, occorre accelerare sui processi per garantire la tenuta del settore che rappresenta il 5% del Pil agricolo nazionale ed è arrivato a fatturare 2,8 miliardi di euro grazie alla produttività di 24 mila aziende di tutta Italia. Un comparto che, oggi, con un virus ancora duro da sconfiggere, deve guardare con più slancio a nuovi sbocchi commerciali e affrontare con pragmatismo l'accordo per la Brexit. In gioco, precisano le due organizzazioni, oltre 40 milioni di euro di prodotti del florovivaismo che ogni anno l'Italia manda in Uk, il 5% del totale delle esportazioni nazionali.

La riflessione, precisano Cia e Florovivaisti Italiani, va chiaramente fatta anche a Bruxelles, perché i prossimi anni di applicazione dell'accordo Ue-Uk porteranno alla luce nuove dinamiche relazionali che faranno emergere, per esempio, i flussi commerciali di piante e fiori, e aumentare i controlli fitosanitari oltremanica. L'intera Europa dovrà salvaguardare un export di piante verso il Regno Unito che solo nel mese di gennaio 2021, ha fatturato 8 milioni di euro (-34% rispetto allo scorso anno) e quello dei fiori che, nello stesso periodo, è arrivato a quota 48 milioni (+3% rispetto al 2020). (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie