Michelin Francia, tanti giovani sul podio e Mazzia tre stelle

Poullenec, attenti al dinamismo, diversità e coscienza ecologica

Redazione ANSA ROMA

 - Ha preso il via su Youtube e Facebook la presentazione della guida Michelin France che, da uno scorcio di torre Eiffel, fotografa una nuova immagine dell'alta cucina d'oltralpe con un prevalere di giovani, donne, e chef originari dai territori di oltremare sul podio. Un'edizione in digitale per via della pandemia, che ha sostituito quella in presenza inizialmente in programma a Cognac, nel Sud Ovest della Francia.

Sono ben 54 i ristoranti a conquistare la prima stella Michelin e tra questi l'italiano Antonio Salvatore Rampoldi a Monaco. A conquistare le tre stelle Michelin il marsigliese Alexandre Mazzia. Un'ondata di novità che si somma ai ristoranti che hanno ottenuto la stella verde che, come avvenuto per l'edizione italiana, premia la coscienza ecologica in cucina. Nel ringraziare gli ispettori della guida che si sono prodigati nel completare il monitoraggio nonostante la pandemia e le chiusure imposte a molti locali, il direttore internazionale delle guide Michelin Gwendal Poullenec ha sottolineato la "rivoluzione in corso nella sommellerie francese, sempre più attenta alle produzioni biodinamiche e ai piccoli produttori di vino e in generale alle nuove generazioni che si stanno dedicando alla viticoltura. Inoltre già lo scorso anno la guida ha premiato la gastronomia più lungimirante e attenta all'ambiente ma da quest'anno, con le stelle verdi, premiamo chi - e sono tanti - è passato all'azione e dimostra una concreta presa di coscienza ecologica. In generale questa edizione si dimostra una guida attenta al dinamismo delle nuove generazioni. La guida Michelin France 2021 premia le diversità e le nuove energie. Con le due nuove due stelle Michelin abbiamo premiato anche la cucina delle emozioni. Le ottengono Marsan di Helene Darroze a Parigi e Merise a Laubach". Due le giovani donne premiate per la sala e l'accoglienza: Marion Denieul (Maison Tiegezh a Guer) e Delphine Alemany (La Closerie, a Ansouis). Mory Sacko e Coline Faulquier sono i due giovani chef dell'anno 2121, Mory ha anche ottenuto la prima stella Michelin, ricevendo quindi due premi. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie