Branchesi, onde gravitazionali nuova finestra universo

Astrofisica a Esof 2020, "presto altre scoperte"

Redazione ANSA TRIESTE

Siamo entrati nella nuova era dell'astronomia, in cui le onde gravitazionali possono sondare l'universo in un modo nuovo e complementare ai telescopi tradizionali. Le scoperte e le sfide di questa ricerca scientifica sono state discusse oggi a Esof durante l'incontro organizzato dall'Institute for Fundamental Physics of the Universe di Trieste, al quale è intervenuta anche Marica Branchesi, astrofisica inserita tra le 100 persone più influenti al mondo da Time nel 2019.

"Questa scoperta ha aperto una nuova finestra sull'universo, che ora vediamo in maniera diversa", ha spiegato Branchesi, riferendosi a quando nel 2015 gli interferometri Virgo e Ligo hanno osservato per la prima volta le onde gravitazionali generate dalla collisione e fusione di una coppia di buchi neri.

Da allora, sono state diverse le scoperte sulla natura dei buchi neri rese possibili grazie allo studio delle onde gravitazionali. L'ultima in ordine di tempo è stata pubblicata tre giorni fa, come ha riferito Branchesi: "Probabilmente abbiamo visto la nascita di un buco nero a massa intermedia nato dall'incontro di due diversi buchi neri, che potrebbe essere il collegamento tra quelli stellari e quello al centro della galassia".

"State sintonizzati perché ci saranno presto altre scoperte. Ognuna di esse spinge più in là la frontiera della nostra conoscenza, dandoci risposte e aprendo nuove risposte", ha concluso.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA