Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La prima culla di pianeti vista in un'altra galassia VIDEO

La prima culla di pianeti vista in un'altra galassia VIDEO

Un disco di gas e polveri intorno a una stella, nella Grande Nube di Magellano

30 novembre 2023, 11:21

Benedetta Bianco

ANSACheck

La regione della Grande Nube di Magellano in cui è stato osservato il disco protoplanetario (fonte: ESO, A McLeod et al.) - RIPRODUZIONE RISERVATA

La regione della Grande Nube di Magellano in cui è stato osservato il disco protoplanetario (fonte: ESO, A McLeod et al.) - RIPRODUZIONE RISERVATA
La regione della Grande Nube di Magellano in cui è stato osservato il disco protoplanetario (fonte: ESO, A McLeod et al.) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Una culla di pianeti è stata osservata per la prima volta al di fuori della Via Lattea. E' un disco di gas e polveri, chiamato disco protoplanetario, identico a quello che ha formato i pianeti del nostro Sistema Solare, osservato nella vicina galassia della Grande Nube di Magellano.  Il disco si trova a 160mila anni luce di distanza, intorno ad una giovane stella massiccia che sta accumulando materia in questo disco rotante. La scoperta, pubblicata sulla rivista Nature e guidata dall'Università britannica di Durham, è stata resa possibile grazie alle osservazioni compiute con il Very Large Telescope e con il telescopio Alma, l'Atacama Large Millimeter/submillimeter Array, entrambi dello European Southern Observatory.

"Quando ho visto per la prima volta la prova di una struttura rotante nei dati di Alma. non potevo credere che avessimo rilevato il primo disco di accrescimento extragalattico, è stato un momento davvero speciale", commenta Anna McLeod, che ha guidato lo studio. "Sappiamo che i dischi sono vitali per la formazione di stelle e pianeti e qui, per la prima volta, ne vediamo la prova diretta in un'altra galassia".



Il primo indizio era arrivato grazie al telescopio Vlt, che ha individuato un getto proveniente da una stella in formazione all'interno di una nube di gas nella Grande Nube di Magellano. Ma per confermare la presenza di un disco protoplanetario era necessario misurarne il movimento, che tipicamente è più veloce nella parte centrale, vicino alla stella: la 'pistola fumante', la prova di questa differenza di velocità, è stata infine trovata grazie al telescopio Alma, che ha quindi confermato la rilevazione del primo disco protoplanetario extragalattico.

La scoperta è stata facilitata anche dalle particolari caratteristiche della Grande Nube di Magellano: mentre nella Via Lattea le stelle massicce sono spesso oscurate da tutto il materiale che vi si accumula intorno, e risultano quindi molto difficili da osservare, la galassia vicina alla nostra contiene meno polvere, permettendo una visuale molto più chiara e priva di ostacoli.



Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza