Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La prima guerra in Europa risale a più di 5.000 anni fa, in Spagna

La prima guerra in Europa risale a più di 5.000 anni fa, in Spagna

E' mille anni più antica del previsto ed è probabilmente durata molti mesi

12 novembre 2023, 18:00

Benedetta Bianco

ANSACheck

Rappresentazione artistica di guerrieri del Neolitico (fonte: Picryl) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Rappresentazione artistica di guerrieri del Neolitico (fonte: Picryl) - RIPRODUZIONE RISERVATA
Rappresentazione artistica di guerrieri del Neolitico (fonte: Picryl) - RIPRODUZIONE RISERVATA

La prima guerra dell’Europa potrebbe risalire a più di 5.000 anni fa, oltre 1.000 anni prima di quanto ritenuto finora: questo antichissimo conflitto si sarebbe svolto nell’area settentrionale dell’attuale Spagna, protraendosi probabilmente per molti mesi. Le prove sono nei resti di più di 300 individui, sepolti insieme in una grotta nella regione della Rioja Alavesa e vissuti tra 5.400 e 5.000 anni fa, che mostrano molte ferite compatibili con un esteso conflitto. Lo studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports e guidato dall’Università spagnola di Valladolid, ipotizza anche possibili cause, tra cui la tensione tra diversi gruppi culturali nella regione.

La natura dei conflitti durante il periodo del Neolitico (tra 9.000 e 4.000 anni fa) rimane ancora oscura. Precedenti ricerche suggerivano che consistessero soprattutto in brevissime incursioni di non più di qualche giorno, che coinvolgevano piccoli gruppi di 20-30 individui. Per scoprire qualche dettaglio in più, i ricercatori guidati da Teresa Fernández‑Crespo hanno riesaminato i resti di 338 individui appartenenti a un’unica grande sepoltura di massa, dove erano state scoperte anche 52 punte di freccia.

I risultati evidenziano che più del 23% degli individui presenta ferite alle ossa, e oltre il 10% di queste sono ferite che non mostrano segni di guarigione: sono quindi avvenute circa al momento della morte. Percentuali che risultano sostanzialmente più elevate rispetto a quelle stimate per l’epoca. Inoltre, la maggior parte delle ferite sono state riscontrate in maschi adulti o adolescenti. Questi fattori, considerati insieme, suggeriscono che molti degli individui potrebbero essere stati vittime di una guerra e i ricercatori sostengono che la percentuale relativamente elevata di ferite parzialmente guarite indica che il conflitto è probabilmente durato parecchi mesi.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza