Speranza,ordinanza treni e regole verso conferma nel Dpcm

Regole restano mascherine e distanziamento 1 metro

Redazione ANSA

 La recente "ordinanza non è legata solo alla vicenda dei treni ma al rispetto delle regole essenziali e i termini dell'ordinanza verranno confermati nel dpcm che approveremo. Da parte mia dico con chiarezza che ogni scelta restrittiva è evidente che comporta dei costi e dei disagi, ma dobbiamo rispettare i tre principi fondamentali: uso mascherine, distanziamento di almeno 1 metro e lavaggio delle mani, perche solo ciò ci puo' consentire di non vanificare il lavoro fatto". Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, durante il question time alla Camera.

Siamo in questo momento tra i paesi europei, ha spiegato Speranza, che "meglio sono riusciti a contenere il contagio. Nei giorni scorso il Centro europeo per il controllo delle malattie Ecdc ha indicato l'incidenza del virus su 100mila abitanti: l'Italia ha 5,7, la Germania 8,4, la Francia 19, Spagna 53,6 e la Romania a 75,1. L'Italia è dunque qui il Paese meglio collocato". Dunque, "non dobbiamo vanificare il lavoro impressionante fatto negli ultimi mesi e quindi le tre regole essenziali, ovvero mascherine, distanziamento e lavaggio delle mani, vanno rispettate in tutti i luoghi al chiuso". Secondo il ministro bisogna "continuare ad insistere su queste regole e dobbiamo farlo - ha detto - insieme alle Regioni . In queste ore c'è un confronto in corso come è sempre stato in questi mesi. Lavoreremo in questa direzione. Le istituzioni ed il Ssn finora hanno retto e il nostro obiettivo è continuare su questa battaglia perchè, come ho già detto - ha concluso - siamo fuori dalla tempesta ma la battaglia non è ancora vinta ed un dialogo positivo e costante tra governo e regioni è indispensabile per vincere questa sfida".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA