ANSAcom

Premio Zanibelli, vince libro inedito su inventore by-pass

La parola che cura, si chiude edizione 2020. Al via per il 2021

ROMA ANSAcom

Un libro inedito, il ‘Cuore di un uomo’ di Luca Serafini (che avrà l’opportunità di essere pubblicato da Rizzoli) ,dedicato alla vita avvincente e rivoluzionaria dell’italo-argentino Renè Geronimo Favaloro, Nobel per il primo by-pass aortocoronarico della storia, che dopo anni di riconoscimenti e successi internazionali realizzò il sogno di una clinica autosufficiente e a completa disposizione di tutte le persone: la Fondazione che porta il suo nome tutt’oggi rappresenta la struttura sanitaria più rinomata del Sudamerica. E un altro volume, L’elefante Blu”,nato da un progetto dell’Associazione Italiana Sostegno Malattie Metaboliche Ereditarie (AISMME), in cui il racconto di Emanuela Nava e le illustrazioni di Giulia Orecchia accompagnano con la giusta dose di leggerezza e profondità bambini e genitori in un percorso di riflessione e condivisione sull’impatto delle malattie metaboliche.

Sono i due vincitori per la categoria opere inedite e premio speciale La parola che cura (introdotto quest’anno per valorizzare anche l’attività di comunicazione e sensibilizzazione delle associazioni pazienti) con la cui premiazione online oggi si conclude l’edizione 2020 del premio letterario Angelo Zanibelli “La Parola che cura” a cui Sanofi ha dato vita otto anni fa. “Mai come negli ultimi mesi- evidenzia Marcello Cattani, presidente e amministratore delegato di Sanofi in Italia- abbiamo compreso quanto condividere un’esperienza di sofferenza e di cura possa rappresentare un momento di crescita importante per l’intera comunità. Questo ci incoraggia a proseguire su questa strada: promuovere questo Premio è sostenere il coraggio di chi combatte la malattia ogni giorno, supportare, ascoltare e dare voce all’esperienza personale”.

“Questo premio - aggiunge Gianni Letta, presidente di Giuria - ha saputo negli anni crescere in qualità e impatto, diventare un punto di riferimento per molti” . La terza età, l’oncologia pediatrica e il rapporto tra medico e malattia sono gli altri temi affrontati dalle altre opere vincitrici di questa edizione del Premio, in una premiazione avvenuta a novembre scorso. La Giuria ha poi attribuito il Premio speciale Personaggio dell’anno in ambito sanitario alla dottoressa Annalisa Malara, per aver scoperto il primo paziente positivo al Covid-19, mentre una menzione speciale e’ stata assegnata a Walter Ricciardi per l’opera “La battaglia per la salute” ma anche, come sottolineato dal presidente di giuria Gianni Letta, per l’impegno nella gestione dell’emergenza pandemica. “In questi anni - conclude Fulvia Filippini, Direttore Affari istituzionali di Sanofi Italia - sono più di 500 le opere che hanno partecipato al Premio”. La premiazione 2020 è stata l’occasione per presentare anche la prossima edizione del premio, la nona. Il bando sarà disponibile già da oggi.

In collaborazione con:
Sanofi

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie