Coronavirus:trattamenti tumori sicuri anche per chi ha Covid

Immunoterapia e chemioterapia non influiscono su mortalità

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Le persone che hanno un tumore e sono colpite dal Covid-19 possono tranquillamente continuare i trattamenti, che non influiscono sul decorso della malattia. Lo afferma uno studio coordinato dall'Imperial College di Londra pubblicato da Cancer Discovery, che ha trovato un tasso di mortalità per Sars-Cov-2 tra i pazienti oncologici del 33%. Lo studio è stato condotto su 890 pazienti in diversi paesi europei con diversi tipi di tumore, per cui in media erano passati 17 mesi tra la diagnosi di cancro e quella di Sars-Cov-2. Il 56% erano uomini e l'età media era 68 anni. Il 33,6% del campione è deceduto durante lo studio, mentre il 2,5% è rimasto ricoverato e il 63,9% è stato dimesso. I pazienti più anziani hanno avuto gli esiti peggiori, mentre quelli con il tumore al seno hanno mostrato la minore mortalità. Dal punto di vista dei trattamenti, spiega David Pinato, l'autore principale, chemioterapia e immunoterapia si sono rivelati sicuri. "La nostra ricerca suggerisce che l'uso di trattamenti anticancro non sembra aumentare il rischio di morte per Covid-19. Questo vuol dire che in molti casi i trattamenti possono essere sicuri durante la pandemia, a seconda delle circostanze individuali e dei fattori di rischio".
    Lo studio ha indagato anche sull'uso di trattamenti anti Covid nei pazienti, verificando qualche vantaggio statisticamente significativo dall'uso dell'idrossiclorochina da sola. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA