Aston Martin V12 Speedster, aggressivo bolide per 88 ricconi

Costruita in serie limitata dal reparto Q, costa 883mila euro

Redazione ANSA ROMA

Si chiama Speedster ma non è una Porsche. Senza grande originalità, contando probabilmente sul fatto che si tratta di un termine generico, Aston Martin ha scelto questa denominazione per la sua ultima creazione - prodotta in serie limitata a 88 esemplari - che inizierà ad essere consegnata nel primo quadrimestre del 2021 al prezzo di 883.000 euro. V12 Speedster ha comunque caratteristiche che ne giustificano il costo e ne fanno un oggetto da collezionisti, 'corroborando' una nicchia, quelle delle hypercar con motore a benzina, che si sta sempre più restringendo a favore di quella delle elettriche o delle ibride.

A Gaydon, sede di Aston Martin, la V12 Speedster è stata mostrata durante la conferenza stampa virtuale (organizzata in sostituzione del Salone di Ginevra) in una specifica ancora più esclusiva che si ispira al leggendario jet F/A-18 nata da una nuova entusiasmante collaborazione con Boeing e creata dal servizio di personalizzazione su misura del marchio Q by Aston Martin che, peraltro, si occupa della costruzione di questa barchetta.



Questa straordinaria livrea prende ispirazione dal leggendario aereo da combattimento ed è rifinita in Skyfall Silver, con nero satinato a contrasto sulle punte di scarico, sfiato griglie e palette. Il tema scuro viene portato all'interno, con cromo scuro satinato, alluminio lavorato, pelle nera, tessuto tecnico nero, tappeti neri e maniglie delle portiere con scritte Aston Martin rosso vivo, creando un look deciso per questo stile concettuale.

Il layout è quello di una due posti aperta 'estrema' e partendo dall'ultima architettura in alluminio Aston Martin utilizza elementi dei modelli DBS Superleggera e Vantage per dar vita ad una piattaforma unica. Anteriormente la sospensione è a doppio braccio oscillante e posteriormente con schema multi-link; le molle elicoidali sono smorzamento adattivo e offrono le modalità Sport, Sport + e Track. V12 Speedster monta cerchi in lega forgiati con bloccaggio centrale standard da 21 pollici e freni in ceramica al carbonio di 410 mm sull'asse anteriore e 360 mm sul retro sono di serie.

La nuova Speedster è spinta - come evidenzia il nome - dal motore Twin-Turbo V12 da 5,2 litri con una potenza di picco di 700 CV e 753 Nm di coppia. Montato in posizione anteriore, è accoppiato a un cambio automatico ZF a 8 velocità con un differenziale a slittamento limitato che gestisce le ruote posteriori. L'hypercar V12 Speedster è in grado di accelerare da 0 a 100 all'ora in 3,5 secondi e raggiungere una velocità massima limitata a 300 km/h.

La carrozzeria su misura è costruita quasi interamente in fibra di carbonio. ''Con la V12 Speedster - ha detto Miles Nurnberger, direttore del design Aston Martin Lagonda - facciamo un passo indietro e cerchiamo ispirazione nel nostro passato.

Dal lancio di DB11, tutto ha guardato avanti. Qui invece c'è una chiara discendenza dal DBR1 vincitore di Le Mans del 1959 per arrivare anche al nostro concept celebrativo del Centenario CC100 nel 2013. C'è anche un po 'di DB3S del 1953 nella sezione centrale. Nessun tetto o schermo, un grande motore, basso, con spalle larghe e uno stile esagerato ed emotivo con doppie gobbe e la 'colonna vertebrale' che separa guidatore e passeggero.

L'estremità posteriore leggera e bassa contrasta con il frontale audace, con la griglia ingrandita, i fari unici e la presa d'aria sul cofano anteriore, una soluzione per ospitare gli ingombri del V12''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie