Aston Martin: in America a Pebble Beach festeggia 70 anni

Alla Monterey Car Week tra passato, presente e futuro

Redazione ANSA MILANO

A 70 anni dal suo ingresso nel mercato americano, Aston Martin tornerà alla prestigiosa Monterey Car Week nel 2021. Con uno spazio esclusivo al Pebble Beach Golf Links, a partire dal 6 di agosto, il marchio britannico sarà tra i protagonisti dell' evento con il suo Aston Martin Club 1913, che ospiterà il debutto nordamericano della nuova Aston Martin Valhalla, dopo la sua rivelazione al Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone, così come altre novità per il futuro dell'azienda. L'attivazione di Aston Martin per l'evento quest'anno includerà anche una selezione di specialità del marchio, auto sportive, GT e SUV, tra passato, presente e il futuro.

Gli ospiti che visiteranno l'Aston Martin Club 1913 potranno godere di un'esposizione che celebra il marchio a tutto tondo , compreso il suo rapporto con il mondo del cinema e con James Bond, da oltre 50 anni. In mostra ci saranno anche i veicoli che incarnano le capacità del servizio su misura 'Q' di Aston Martin, a partire dalla V12 Speedster. Nel 2021 cade il settantesimo anniversario della prima vendita di un'auto negli Stati Uniti, seguiti poi dal Canada. Da allora, circa una su quattro di tutte le auto Aston Martin costruite fino ad oggi hanno trovato i loro primi proprietari in Nord America, rendendo la regione estremamente importante per le prestazioni commerciali del marchio.

Per testare il mercato americano, Aston Martin spedì nel nuovo continente una DB2/4 del 1951 per i test con le principali testate automobilistiche. La rivista Road & Track era stata tra le prime pubblicazioni a mettere le mani sulla vettura e non aveva perso tempo a valutarla correttamente con nientemeno che il futuro campione del mondo al volante, Phil Hill. Il collaudo e la valutazione da parte delle pubblicazioni statunitensi risultò un successo, tanto che lo stesso Hill diventò uno dei primi acquirenti della DB2 in Nord America, presa in consegna il 15 settembre 1951. Oggi Aston Martin Americas rappresenta ancora circa il 30% delle vendite della casa in tutto il mondo. Le vendite di unità nelle Americhe sono più che triplicate a oltre 1000 veicoli nel primo semestre 2021, che rappresentano il 36% delle vendite globali con un mix maggiore rispetto all'anno precedente e con forti prestazioni da DBX.

"Per sette decenni - ha detto Tobias Moers, amministratore Delegato del marchio - i piloti appassionati negli Stati Uniti e in Canada hanno avuto la possibilità di godere di alcune delle più grandi auto che abbiamo mai fatto. Circa un quarto di tutte le auto che abbiamo costruito sono state vendute in Nord America; gli investimenti, la gestione e il supporto americani e canadesi hanno giocato un ruolo importante nella storia dell'azienda. Sono molto felice di vedere che celebriamo non solo questo importante anniversario, ma anche il legame duraturo tra il nostro marchio e proprietari esperti ed estremamente entusiasti che amano le nostre auto".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie