Istat: -90% iscrizioni nuove auto

-90% incidenti ad aprile giornalieri

Redazione ANSA ROMA

Dai primi dati del 2020 emerge come il mercato automobilistico abbia subito un crollo con prime iscrizioni calate fino a -90% per le autovetture, -97% per i motocicli e -83% per i veicoli merci. Nei primi 5 mesi del 2020, in media, queste diminuzioni hanno comportato, nel complesso, per le prime iscrizioni, un calo del 45,1% (-46,8% per le autovetture, -39,1% per i motocicli, -37,3% per i veicoli industriali). Lo rende noto l'Istat. In questo contesto, in cui la mobilità ha avuto una battuta d'arresto come mai si era verificato prima, un ritorno positivo è sicuramente dato dalla diminuzione di incidenti stradali dovuta alla minore esposizione al rischio.
    Nel periodo del lockdown c'è stata una diminuzione giornaliera degli incidenti con punte che toccano anche il 90% durante il mese di aprile; mediamente il decremento degli incidenti stradali è stato di circa il 72% a marzo e dell'85% ad aprile. Lo si legge nel Report Istat sugli incidenti stradali. Anche nelle città la diminuzione di incidenti è stata consistente: dai primi dati raccolti dalla rilevazione trimestrale sulle Polizie Locali dei comuni capoluogo, emerge una diminuzione nel mese di marzo superiore al 70% sia per gli incidenti sia per i decessi e di oltre l'80% in aprile. La ripresa della mobilità già nel mese di maggio 2020 fa registrare un aumento degli incidenti.Anche nelle città la diminuzione di incidenti è stata consistente: dai primi dati raccolti dalla rilevazione trimestrale sulle Polizie Locali dei comuni capoluogo, emerge una diminuzione nel mese di marzo superiore al 70% sia per gli incidenti sia per i decessi e di oltre l'80% in aprile.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie