Teen

Telefono Azzurro, per i minori è allarme internet

Osservatorio Indifesa, 61% degli adolescenti vittima bullismo

Telefono Azzurro, per i minori è allarme internet © ANSA
  • Redazione ANSA
  • ROMA
  • 07 febbraio 2021
  • 19:07

Il 30,5% degli utenti delle linee di ascolto e consulenza di Telefono Azzurro che riporta problematiche relative all'area internet riferisce sofferenze legate all'area della salute mentale: in particolare questi utenti riferiscono di aver provato atti autolesivi (13%), tentativi di suicidio (5%) e di ideazione suicidaria (13%). In breve, nel 31% dei casi, criticità legate all'online corrispondono a gravi malesseri con sfoghi aggressivi. Gli allarmi di questo periodo sulla crisi della salute mentale dei giovani hanno trovato un nuovo richiamo da Telefono Azzurro, in occasione del Safer Internet Day, il 9 febbraio, giornata internazionale di sensibilizzazione per l'utilizzo sicuro di internet.
"La situazione - osserva Ernesto Caffo, presidente di Telefono Azzurro - è grave e bisogna intervenire subito. L'utilizzo crescente della tecnologia, cui la pandemia ha costretto i minori in questi mesi, ha purtroppo contribuito a una forte crescita degli abusi online e in generali di pericoli digitali.
E in occasione della Giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo la ministra dell'istruzione Lucia Azzolina ha sottolineato che "come adulti non possiamo voltarci dall'altra parte. Dobbiamo essere al fianco dei ragazzi, guidarli, non lasciarli soli. Dobbiamo educarli a riconoscere i segnali, a non sottovalutarli, far capire loro, con chiarezza, che bullismo e cyberbullismo sono forme di violenza, non bravate, anche quando le aggressioni avvengono in Rete. Anzi, sul web certi fenomeni moltiplicano i loro effetti, ottenendo una visibilità maggiore, con conseguenze spesso devastanti per le vittime". Roberto Pella, vicepresidente vicario dell'Anci, ha sottolineato "l'importanza dell'educazione a un uso corretto del web, sia all'interno delle famiglie sia a scuola, e l'importanza di ascoltare le esigenze dei giovani.
I dati pubblicati dall'Osservatorio Indifesa, relativi al 2020, sono, infatti, allarmanti e devono destare crescente impegno da parte delle istituzioni di ogni livello di governo. In questo senso, gli esiti delle audizioni fortemente volute e condotte con determinazione dalla Presidente della commissione parlamentare per l'Infanzia e l'Adolescenza, Senatrice Licia Ronzulli, sono documenti fondamentali che contribuiscono alla pianificazione di politiche pubbliche mirate, su cui tutte le forze politiche del Parlamento sono convergenti". "Le risposte di 6.000 adolescenti, dai 13 ai 23 anni, rivelano che il 68% di loro dichiara di aver assistito ad episodi di bullismo, o cyberbullismo, mentre ne è vittima il 61%. Ragazzi e ragazze esprimono sofferenza per episodi di violenza psicologica subita da parte di coetanei (42,23%). Tra i partecipanti alla rilevazione 6 su 10 dichiarano di non sentirsi al sicuro online e, tra i rischi maggiori, sia i maschi che le femmine, pongono al primo posto il cyberbullismo (66,34%). Pesanti le conseguenze del Covid-19 e delle misure di isolamento e distanziamento sociale: il 93% degli adolescenti ha affermato di sentirsi solo, con un aumento del 10% rispetto alla rilevazione precedente. Un aumento ancora più significativo se si pensa che la percentuale di chi ha indicato di provare solitudine "molto spesso" è passata dal 33% a un drammatico 48%". 

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie