/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Studenti, Regioni e Governo uccidono diritto allo studio

Studenti, Regioni e Governo uccidono diritto allo studio

'Dopo i tagli in Manovra,atenei lasciati indietro dalle Regioni'

ROMA, 23 gennaio 2024, 10:37

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

In seguito ai continui tagli al Diritto allo Studio emanati dalla recente legge di Bilancio, e alle prospettive di ulteriori riduzioni nei prossimi anni, gli studenti si trovano di fronte a una sfida crescente." A dirlo è Virginia Mancarella coordinatrice nazionale di Link.
    "Nonostante le mobilitazioni, i mailbombing e le occupazioni, la situazione è peggiorata con l'inerzia delle Regioni. Regioni come Lombardia, Piemonte e Veneto, tra le più ricche d'Italia, hanno omesso di stanziare fondi necessari, nonostante i bilanci regionali lo consentissero. In Lombardia, nonostante ci sia stata una mobilitazione da tutta la regione, la voce studentesca è stata ignorata. La stessa sorte è toccata al Piemonte, con forti ritardi nei pagamenti per i beneficiari. Nel Lazio, oltre a più di 10mila idonei non beneficiari, l'ente regionale per il diritto allo studio è stato commissariato, vanificando i progressi ottenuti dalla componente studentesca.
    In Abruzzo, l'80% degli studenti è idoneo non beneficiario, e i ritardi nei pagamenti delle borse di studio trasformano il diritto allo studio in una misura inefficace. Anche in Veneto, sia la regione che gli Atenei si mostrano insensibili alle necessità degli studenti, come evidenziato dalla recente occupazione dell'Università di Padova a cui non è seguita nessuna risposta dalle istituzioni", sostengono gli studenti.
    "Continueremo la nostra mobilitazione su tutti i fronti per garantire il Diritto allo Studio per tutti, senza fermarci finché non sarà instaurato un nuovo modello di welfare studentesco", conclude Mancarella.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza