ANSA/ Gubitosi, Verde Giffoni per ricostruire speranza

Da 27 a 30/4 . Decine di ospiti da Michielin a Enzo Fortunato

Redazione ANSA ROMA
(di Francesca Pierleoni) (ANSA) - ROMA, 26 APR - E' "una nuova avventura alla quale ho pensato per anni, con una consapevolezza. I comportamenti dei ragazzi mi hanno sempre fatto capire che sono i più rispettosi della natura. Poi stiamo assistendo a quanto le altre generazioni stanno riservando ai più giovani.Il verde rappresenta sempre più per loro anche l'elemento di speranza".

Lo dice all'ANSA l'ideatore e fondatore del Giffoni Film Festival Claudio Gubitosi, lanciando un nuovo capitolo della manifestazione che da oltre 50 anni si rivolge alle giovani generazioni (la 52/a edizione è in programma dal 21 al 30 luglio). E' Verde Giffoni: l'iniziativa, rivolta alla salvaguardia del pianeta e destinata alla Generazione Z, che si terrà dal 27 al 30 aprile a Giffoni Valle Piana (Salerno). "In un momento come questo bisogna creare ponti - aggiunge Gubitosi - Un pensiero verde vuol dire anche no alle armi, no alla guerra, no alle sopraffazioni,".

Saranno quattro giorni dedicati alla sostenibilità, non esclusivamente ambientale ma intesa anche nelle sue accezioni sociali ed economiche, declinata attraverso cinema, cultura, comunicazione, musica e innovazione per dare voce a oltre 400 ragazze e ragazzi, dai 14 ai 25 anni provenienti da tutt'Italia, chiamati alla visione di film a tema e al confronto con artisti impegnati per la tutela dell'ambiente ma anche scienziati, sociologi, filosofi, innovatori ed esponenti di aziende e startup che operano nel mondo green o con un'attenzione centrale all'ambiente. Da Francesca Michielin a Padre Enzo Fortunato, da Simone Rugiati alla filosofa Maura Gancitano o Giovanni Caccamo.

Senza dimenticare, in serata, gli showcase di artisti come Capone & Bungtabangt, Napoleone, Matteo Romano, Dargen D'Amico ei The Kolors.

"Entriamo con la nostra esperienza e la nostra storia in questo nuovo progetto di Giffoni - aggiunge Gubitosi -. I ragazzi di oggi si dovranno caricare dei nostri errori, vengono da due anni di isolamento e dolore per il covid, e ora hanno di fronte la devastazione di questa nuova guerra. Bisogna supportarli nel costruire un nuovo modello di vita, attraverso un'ecologia pratica e un pensiero ecologico. Si deve mettere la giovane generazione al centro, dandogli la possibilità di ragionare con la propria testa". Da questi giovani "può partire un punto d'incontro permanente su come vedono e propongono ai governanti nuovi modelli di società". Tutto questo rientra "nel tema generale di Giffoni di quest'anno, "gli invisibili, intesi nel senso più ampio passibile: da tutti quelli che fanno del bene ogni giorno senza clamori ai neet, 3 milioni di giovani che non studiano e non lavorano".

Verde Giffoni, organizzato dall'Ente Autonomo Giffoni Experience, co-finanziata dal Ministero della Cultura - Direzione Generale per il Cinema e dalla Regione Campania, con il sostegno del Comune di Giffoni Valle Piana, "rappresenta la nostra nuova sfida e rientra perfettamente nel processo creativo che, da 52 anni, fa di Giffoni un caso unico al mondo - aggiunge il direttore generale di Giffoni Jacopo Gubitosi -. Non è solo una questione di ambientalismo o di ecologia: vogliamo che abbia una veste etica, morale, in grado di coinvolgere la coscienza di ciascuno di noi". Per quanto riguardo la parte cinematografica, i film saranno divisi in due sezioni, "In&Out Society" e "Futura" (quest'ultima aperta al pubblico) scelti per offrire un quadro chiaro su ecologia, ambiente, salvaguardia dell'ecosistema e degli animali. Ben 350 i lungometraggi in preselezione, provenienti da Italia, Israele, Canada, Bolivia e Francia.

Il testimone passerà poi al festival di luglio: "Siamo tutti impegnati nella selezione dei film - sottolinea Claudio Gubitosi -. Dovrebbero esserci almeno 4500 ragazzi da 35 nazioni.

Ritorniamo alla musica dal vivo e ci saranno almeno 80 protagonisti della vita culturale, sociale, cinematografica e televisiva". Sarà un'edizione molto innovativa. Deve uscire fuori un tema generale, 'Bentornata felicità'". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA