Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Colpito da grave forma tetano, 22enne salvato nel Napoletano

Colpito da grave forma tetano, 22enne salvato nel Napoletano

Castellammare, sintomi dopo 7 giorni dalla ferita

CASTELLAMMARE, 23 febbraio 2024, 15:55

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Quando si è presentato al pronto soccorso dell'ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia con i chiari sintomi del tetano, le sue condizioni erano disperate. La presa in carico dell'equipe medica alla quale è stato affidato e le cure appropriate hanno però consentito di salvare la vita al ragazzo, di appena 22 anni.
    È una storia a lieto fine ed a raccontarla è l'Asl Napoli 3 Sud.
    Tutto è cominciato durante alcuni lavori domestici, quando il giovane si è ferito ad una mano con una vecchia porta arrugginita. Dopo circa sette giorni è comparsa la tipica sintomatologia del tetano. Il ricorso al pronto soccorso del San Leonardo, dove il 22enne presentava i segni della malattia: opistotono (contrattura spastica dei muscoli del tronco) e trisma (impossibilità di apertura delle fauci), con spasmi e gravi difficoltà respiratorie.
    La situazione, gravissima, è stata però prontamente inquadrata dai sanitari, con l'immediato ricovero in terapia intensiva grazie all'intervento dalla dottoressa Maria Josè Sucre, direttore di anestesia, rianimazione e terapia del dolore del San Leonardo, e della responsabile Stefania Ciceraro.
    Le cure successive sono state condotte, oltre che dagli operatori della rianimazione, da un gruppo multidisciplinare, con intervento di neurologi, cardiologi e anestesisti.
    "Attualmente - fa sapere l'ufficio stampa dell'azienda sanitaria - il paziente, che non aveva praticato il richiamo vaccinale, è ancora in rianimazione ma il peggio è passato e non è più in pericolo di vita. Il tetano, nelle condizioni in cui è arrivato il ragazzo, ha un tasso di mortalità del 90%".
    Sempre dalla Napoli 3 Sud fanno sapere che "il caso è stato riferito ed è di interesse dell'istituto superiore di sanità per l'importanza che riveste in termini di azioni di prevenzione.
    Inoltre, è un case-report proprio per l'elevato tasso di mortalità, ma dimostra che il pronto riconoscimento della patologia associata alla immediata intensivizzazione e terapia possono evitare la morte del paziente".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza