Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Campania
  1. ANSA.it
  2. Campania
  3. Minacciò compagno con false accuse abusi, 24enne condannata

Minacciò compagno con false accuse abusi, 24enne condannata

Corte d'Appello riduce pena, imputata evita carcere

(ANSA) - CASERTA, 31 MAR - Minacciò il compagno di denunciarlo per una storia inventata di abusi nei confronti di sua figlia minore, se non le avesse dato una somma di danaro.
    Per questo motivo una 24enne residente a Casal di Principe (Caserta) è stata condannata dalla Corte di Appello di Napoli a due anni e otto mesi; una sentenza che le ha permesso di evitare il carcere, visto che in primo grado il Gup di Avellino l'aveva condannata a quattro anni di reclusione per estorsione aggravata. La ragazza aveva messo in mezzo la figlia, che al tempo dei fatti aveva 6-7 anni, pretendendo i soldi dal compagno, che non era padre della bimba.
    "Se non me li dai ti denuncio per violenza sessuale su mia figlia". L'uomo pagò - si trattava di 350 euro - ma denunciò l'estorsione subita e partì il processo. Se in primo grado il gup in abbreviato usò la mano pesante, in secondo grado la Corte d'Appello, con il consenso della Procura Generale di Napoli, ha accolto la richiesta del difensore dell'imputata, l'avvocato Filippo Santagata, di escludere l'aggravante delle più persone riunite davanti alle quali sarebbe stata consumata l'estorsione e di riqualificare la pena, quantificata in due anni e otto mesi. La 24enne potrà ora accedere alle miaure alternative alla carcerazione, come la detenzione domiciliare e l'affidamento lavorativo in prova. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie