Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A Viggiano è in arrivo la trentacinquesima "Rafanata"

A Viggiano è in arrivo la trentacinquesima "Rafanata"

Valorizzazione del prodotto tipico lucano sempre più richiesto

POTENZA, 22 febbraio 2024, 10:13

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La trentacinquesima edizione della "Rafanata", la manifestazione gastronomica che promuove il rafano, uno degli ingredienti più antichi della tradizione culinaria contadina lucana, si svolgerà sabato 24 febbraio a Viggiano (Potenza). L'evento, organizzato dalla Cia Agricoltori della Val d'Agri con l'associazione 'La Spesa in Campagna', mira alla promozione di un'eccellenza riconosciuta come Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Basilicata, una pianta erbacea perenne che è coltivato principalmente in val d'Agri, nel Lagonegrese, e nell'area del Vulture. "La richiesta del rafano, che sul mercato ha un prezzo minimo di 18 euro al chilo, è notevolmente cresciuta in Italia e si fa ricorso all'import da Paesi europei e persino dal Giappone", ha spiegato il dirigente della Cia-Agricoltori della Val d'Agri, Nicola Pisano. "Il destino della Val d'Agri - ha aggiunto la direttrice Cia-Agricoltori Italiani Potenza, Giovanna Perruolo - più che il petrolio, è un'agricoltura di qualità a certificazione territoriale, con la piena valorizzazione di ogni prodotto tipico".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza