Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Tunisia: familiari degli oppositori detenuti, 'liberateli'

Oltre 20 incarcerati con l'accusa di 'complotto' contro lo Stato

23 febbraio 2024, 17:16

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

TUNISI - Le famiglie degli oppositori detenuti da un anno in Tunisia con l'accusa di "complotto" contro lo Stato, alcuni dei quali sono in sciopero della fame da oltre 10 giorni, hanno chiesto alle autorità di rimetterli in libertà.
Dal febbraio 2023, più di 20 oppositori, uomini d'affari, giornalisti e altre personalità sono stati arrestati in Tunisia, con l'accusa di "cospirazione contro la sicurezza interna ed esterna dello Stato". Nel corso di una conferenza stampa organizzata dal coordinamento delle famiglie dei detenuti politici nella sede del partito di opposizione Al Joumhouri a Tunisi, i familiari hanno ricordato che i loro cari non sono stati ancora ascoltati - tranne una volta al momento del loro arresto - da un giudice istruttore. "Sono in carcere da un anno senza aver commesso alcun crimine e senza un'accusa, è una detenzione arbitraria e un crimine contro l'umanità", ha dichiarato Ezzedine Hazgui, padre dell'oppositore incarcerato Jawhar Ben Mbarek.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

Ultima ora Mondo

Errore 404 - Pagina non trovata - ANSA.it Tunisia: familiari degli oppositori detenuti, 'liberateli' - Politica - Ansa.it
404

Pagina non trovata

Le cause principali per cui viene visualizzata una pagina di errore 404 sono le seguenti:

  • un URL digitato erroneamente
  • un segnalibro obsoleto
  • un collegamento datato proveniente da un motore di ricerca
  • un link interno interrotto non rilevato dal webmaster.

Se riscontri il problema, ti invitiamo a contattarci per segnalarlo.

Grazie.