Meloni e Tajani: "Più Italia nei Balcani, entrino in Ue"

Conferenza a Trieste: 'Allargamento prioritario dopo la guerra'

Luca Mirone TRIESTE

"Più Italia nei Balcani" e "accelerazione" del processo di integrazione europea della regione. Sono queste le priorità del governo italiano rilanciate dalla premier Giorgia Meloni e dal ministro degli Esteri Antonio Tajani alla Conferenza di Trieste, "città ponte" per antonomasia dove si sono riuniti ambasciatori, istituzioni e i rappresentanti del mondo produttivo italiano. L'adesione all'Ue dei Paesi dei Balcani occidentali diventa quanto mai cruciale dopo l'invasione russa dell'Ucraina: sia Roma che Bruxelles vogliono evitare che finiscano sotto l'orbita di Mosca. Investire su quei Paesi, inoltre, è ritenuto funzionale alla gestione dei flussi migratori. 

 

Portare "più Italia nei Balcani è l'obiettivo di questo governo" perché "ce lo chiedono tutti gli amici della regione", ha detto Meloni in un videomessaggio di saluto per la Conferenza. "Siamo protagonisti ma dobbiamo rinnovare la nostra presenza e investire nei settori strategici", è la parola d'ordine della premier, che ha chiamato in causa anche l'Ue. "E' urgente che sviluppi una nuova visione" e "metta l'allargamento" alla regione "tra le sue priorità", ha sottolineato. Rilevando che la "piena integrazione" dei Balcani avrà ricadute positive per tutto il continente su dossier come "lotta alla corruzione, contrasto dei traffici illegali, gestione e contenimento dei flussi migratori irregolari, prevenzione e contrasto del radicalismo". Sul percorso di adesione di Serbia, Albania, Macedonia del Nord, Bosnia, Montenegro e Kosovo negli ultimi anni la spinta propulsiva dell'Ue si era affievolita, perché non tutti i partner l'hanno considerata una priorità. 

Tajani: "Più presenza nei Balcani per non lasciare vuoti"

 

Ma adesso la guerra in Ucraina ha riportato questo tema in primo piano. "Vogliamo essere più presenti perché in politica quando si lasciano degli spazi vuoti poi vengono occupati da altri", ha avvertito Tajani, citando ad esempio la Serbia che rischia di guardare "a oriente più che all'Europa": un riferimento alla Russia, ma anche alla Cina. Per questo motivo, ha aggiunto il titolare della Farnesina, l'Italia chiede una "accelerazione" dei processi di adesione dei Paesi dei Balcani occidentali. Il governo Meloni è già parte attiva in questo processo, ha puntualizzato il ministro degli Esteri, ricordando tra le altre cose la recente missione a Pristina e Belgrado con il collega della Difesa Guido Crosetto "per facilitare il dialogo tra questi due Paesi". 

Oliver Varhelyi, commissario Ue all'allargamento

 

Enac: 'Aiutiamo i Balcani a recepire le regole Ue sul trasporto aereo'

Mentre Roma è tornata a pieno titolo a far parte del Quint, il gruppo a cui partecipano anche Francia, Germania, Usa e Regno Unito per disinnescare la crisi. Inoltre, si lavora per ospitare a Roma una riunione di "tutti i ministri degli Esteri dei Balcani nei prossimi mesi". Anche l'Ue punta su questo rinnovato protagonismo. "C'è tanto da fare" e "abbiamo bisogno di più Italia nei Balcani occidentali", ha esortato il commissario all'Allargamento Oliver Varhelyi. "Le nostre aspettative sono più alte" e "alla luce della crisi economica e geopolitica sorta dopo l'aggressione russa all'Ucraina l'allargamento" è ancor più "prioritario", è l'analisi del politico ungherese. La prospettiva di Balcani stabili e ancorati all'Ue è molto utile, in chiave italiana, anche per "la crescita economica, in termini di presenza delle nostre imprese", ha poi spiegato Tajani. A Trieste il direttore generale dell'agenzia Ice, Roberto Luongo, ha ricordato che nei primi 9 mesi del 2022 "c'è stata una crescita dell'interscambio del 40% rispetto al 2021, ma - ha aggiunto - dobbiamo intensificare ancora". In questo quadro, sono già in programma due Business Forum, il primo a Belgrado il 21 marzo, un altro in Kosovo a maggio (il primo del genere a Pristina). Lo stesso si farà in tutti i Paesi dell'area, mentre nel frattempo Tajani lavora ad altre missioni bilaterali. La prossima sarà in Bosnia. "Non sottovaluto le difficoltà" di questo processo di integrazione "ma sono convinto delle nostre potenzialità", è la chiosa del capo della diplomazia italiana al termine dell'appuntamento di Trieste.

Ambasciatore in Serbia: 'Intercettare nuovi settori, da green a digitale'

Ice: con i Balcani 14 miliardi di interscambio ma dobbiamo intensificare
"Nei primi 9 mesi di quest'anno abbiamo avuto una crescita di interscambio con i Paesi dei Balcani occidentali del 40% rispetto al 2021, quindi un'intensificazione molto forte che va di pari passo con quello che l'Italia fa nel mondo. L'Italia è una potenza economica commerciale che si esplica anche in quest'area strategica. Ai 6 Paesi" che ancora non fanno parte dell'Ue "dobbiamo aggiungere anche Croazia e Slovenia: abbiamo in totale 14 miliardi di interscambio. Ma dobbiamo intensificare ancora di più la nostra azione". Lo ha detto all'ANSA Roberto Luongo, direttore generale dell'Agenzia Ice, a margine della Conferenza sui Balcani in corso a Trieste. "Lavoriamo attraverso i nostri uffici dell'area balcanica, in stretta connessine con le ambasciate italiane, quindi con il ministero degli Esteri, diamo informazioni alle imprese italiane, diamo assistenza, facciamo una serie di iniziative promozionali", ha aggiunto. "Dobbiamo portare sempre più operatori dei Balcani alle fiere italiane che hanno un ruolo fondamentale per lo sviluppo e la crescita dell'imprenditoria di quest'area".

Ice: 'Con i Balcani 14 miliardi di interscambio ma dobbiamo intensificare'

Ambasciatore Bucci: Albania porta d'ingresso ai Balcani 
"Circa la metà di tutte le aziende straniere in Albania sono italiane, il nostro interscambio vale il 20% del Pil albanese, 3,6 miliardi di euro: siamo presenti in tutti i settori. Energia, infrastrutture, connettività e nuove tecnologie sono tra i settori più promettenti". Lo ha detto all'ANSA l'ambasciatore italiano a Tirana, Fabrizio Bucci, a margine della Conferenza sui Balcani in corso a Trieste. "Il governo albanese vuole passare dai call center - sappiamo che fanno molti servizi per le aziende italiane - ai digital center, settore in cui c'è un grosso interesse da parte italiana", ha aggiunto sottolineando che "l'idea dell'Albania è quella di diventare una Singapore dei Balcani, un Paese piccolo ma dalle grandi potenzialità". "L'Albania è una porta di ingresso a tutti i Balcani" e la sua adesione all'Ue ha un valore fondamentale: "non parliamo più di 'se' entrerà a far parte dell'Ue, ma di 'quando'", ha concluso.

Ambasciatore Bucci: 'L'Albania è la porta d'ingresso ai Balcani'

Ambasciatore Silvestri: Skopje vuole l'Ue, Italia al suo fianco 
Italia e Macedonia del Nord hanno "un partenariato forte, solido, credibile, li abbiamo sempre sostenuti nel loro percorso di integrazione europea". Lo ha detto all'ANSA l'ambasciatore a Skopje Andrea Silvestri a margine della Conferenza sui Balcani. "A luglio finalmente sono stati avviati i negoziati di adesione, noi siamo partner a livello generale ma li stiamo affiancando anche in diversi settori come agricoltura, buon governo, affari interni, e cerchiamo di promuovere maggiori relazioni sul piano commerciale", ha aggiunto Silvestri, sottolineando che "per loro è assolutamente necessaria" l'integrazione europea. "Il governo di Skopje ci crede pienamente, ha un forte ancoraggio occidentale, è un paese Nato, sta presiedendo l'Osce. E' un nostro dovere ed è nel nostro interesse accompagnarli in questo percorso". Quanto ai rapporti economici bilaterali, "siamo il sesto paese cliente e l'ottavo paese fornitore ma possiamo fare molto più. Siamo presenti in settori come meccanica, confezione, prodotti finanziari, calzaturiero, ma c'è spazio per fare di più nei settori strategici come infrastrutture, energia e ambiente, ed anche nell'agricoltura, che pesa ancora per il 10% del pil" della Macedonia del Nord, ha spiegato l'ambasciatore Silvestri.

Ambasciatorte Silvestri: 'La Macedonia del Nord vuole l'Ue, Italia al suo fianco'

Intesa SanPaolo: affianchiamo i Balcani nell'avvicinamento all'Ue 
"La nostra presenza nei Paesi dei Balcani occidentali è una presenza di sostegno al tessuto economico di quel Paese, e una presenza per favorire l'interscambio della produzione dell'Italia nei confronti di queste aree che sono assolutamente interessanti". Lo ha detto all'ANSA, Marco Elio Rottigni, responsabile della Divisione International Subsidiary Banks di Intesa San Paolo, a margine della Conferenza sui Balcani in corso a Trieste. In particolare, ha spiegato Rottigni, "in Serbia siamo la prima banca con una presenza più che ventennale, abbiamo affiancato il Paese nell'avvicinamento all'Europa". "In Albania siamo la quarta banca, c'è un tema di vicinanza anche culturale, gran parte della popolazione parla italiano. E infine in Bosnia siamo la sesta banca. Siamo tra i principali attori dell'economia di questi Paesi", ha concluso.

Intesa San Paolo: 'Affianchiamo Balcani nell'avvicinamento all'Ue'

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA