Sereni, donne in diplomazia ancora troppo poche, fare di più

Viceministra, istituire inviato per le politiche di genere

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 21 DIC - La Farnesina ha dato un segnale importante sulla parità di genere nella diplomazia, a partire dal fatto è stato "sdoganato il termine ambasciatrice". Lo ha detto la viceministra degli Esteri Marina Sereni all'ANSA a margine della Conferenza degli Ambasciatori, che in questa XIV edizione è stata chiamata appunto Conferenza degli Ambasciatori e delle Ambasciatrici.
    "Le donne nella rete diplomatica sono presenti, ma ancora non sono abbastanza, abbiamo donne forti che hanno conquistato posizioni importanti come l'ambasciatrice a Washington Zappia, ma ancora sono troppo poche, le sedi sono gestite principalmente da uomini", ha rilevato la viceministra. E su questo fronte "il ministro Luigi Di Maio è stato molto esplicito, la rete diplomatica deve mettere le donne in condizione di fare carriera, e servono politiche concrete come l'istituzione della figura dell'inviato speciale per le politiche di genere", ha aggiunto Sereni. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA