Costa, entro luglio "Economia Circolare" sarà legge

Ok target europeo del 55% al 2030 ma deve seguire un nuovo Pniec

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - "Entro luglio approveremo il decreto legislativo sul Pacchetto economia circolare che diventerà norma dello Stato". Lo annuncia il ministro dell'Ambiente Sergio Costa, intervenendo in videoconferenza all'evento "Green Deal per l'Italia" - Un confronto per un progetto di sviluppo sostenibile organizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, con la media partnership di Rai e il supporto di eprcomunicazione, "maratona green" di sette ore trasmessa in streaming su Raiplay.
    Sulle misure da mettere in campo, non solo per il post pandemia, il ministro aggiunge: "Abbiamo negoziato insieme al ministro Provenzano, che voglio ringraziare pubblicamente, un nuovo piano dei Fondi di sviluppo e coesione 2021-27 che avrà al centro dell'attenzione il dissesto idrogeologico per cui stiamo negoziando per 4 miliardi di euro solo per il dissesto idrogeologico" Mentre riguardo alla mobilità sostenibile il ministro ricorda che "e' la nuova frontiera" di cui "la spina dorsale e' il ferro", cioè le ferrovie, per esempio "la dorsale adriatica su ferro" come "ha ricordato il premier nel corso degli Stati generali verso la decarbonizzazione" e "penso ai collegamenti tra dorsale mediterranea e adriatica tutto su ferro, perché non e' solo il trasporto di persone ma anche quello delle merci che porta alla decarbonizzazione". "Ma anche come sapete" conclude Costa, inoltre "sono fondamentali, clclovie e piste cilabili o il bonus bici" proprio "per un diverso modo di approcciarsi alla città".
    Il ministro interviene anche sul piano 2030 per il clima e l'energia nell'ambito del Green Deal europeo. "Il 55% in meno di emissioni fossili delineato - dice - penso sia una buona mediazione europea ma e' chiaro che deve seguire un nuovo Pniec (Piano Nazionale Integrato Energia Clima)".
    "Con la decarbonizzazione - aggiunge Costa - la neutralità carbonica prevista al 2050" quindi "bisogna fare percorsi e step intermedi per arrivarci, e il decennio 2020 - 2030 e' il momento topico proprio per poter camminare sulla via di una normalità green completamente diversa" spiega il ministro riferendosi anche al post pandemia.
    "Le rinnovabili sono un passaggio importante" per Costa, che ricorda sono "concretizzate nel Pniec (italiano) che oggi prevede il taglio del 40% al 2030 del fossile, sostituito con le energie rinnovabili" un obiettivo "non più in linea con l'accordo di Parigi". "Ma ora va ridisegnato il passaggio alle energie rinnovabili - spiega - che avviene concretamente attraverso la legge europea, presentata il 4 marzo 2020, dove si prevede un target per il taglio di emissioni fossili del 55% del 2030". Così con "un nuovo target - ribadisce - servono nuove politiche strategiche" partendo dal "perimetro delineato per agire" e quindi "atti concreti". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA