Rifiuti: Confindustria, lockdown ha mostrato ruolo industria

L'economia circolare è un'opportunità, non diventi un vincolo

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 19 MAG - Il lockdown per l'emergenza Coronavirus ha dimostrato come l'industria dia "un contributo sostanziale alla gestione del ciclo di rifiuti nel nostro Paese", secondo il direttore politiche industriali di Confindustria, Andrea Bianchi.
    La chiusura di molti settori produttivi che utilizzano materie prime riciclate, sottolinea Bianchi in un'audizione alla commissione Ambiente della Camera, "ha determinato una fase di forte difficoltà della gestione dei rifiuti con la necessità, in molti territori, di ampliare stoccaggi e depositi temporanei".
    L'esempio è quello di acciaierie, fonderie, industrie della carta, vetrerie, chimica, plastica, legno, alimentari e tessili.
    Confindustria ritiene che il recepimento del pacchetto di direttive europee sull'economia circolare possa rappresentare "una grande opportunità per l'industria, a patto che vengano rispettate regole di metodo, di fattibilità e di sostenibilità economica e sociale". In particolare, la richiesta è quella di restare "il più possibile fedeli ai testi europei", che hanno proprio "l'obiettivo di rendere la transizione un'opportunità e non un vincolo", per non "partire svantaggiati rispetto agli altri paesi". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA