Istat: Italia migliora per clima, peggiora nei consumi

Rapporto Istat Sdgs 2020

Redazione ANSA ROMA

- L'Italia fa progressi nell'alimentazione e nella lotta ai cambiamenti climatici, passi indietro su consumo e produzione responsabili. L'Istat mostra un "quadro complessivamente positivo" nel Rapporto Sdgs 2020 sugli obiettivi di sviluppo sostenibile dell'Agenda 2030 dell'Onu. La percentuale di indicatori con variazione positiva è "alta" per i Goal 2 (Fame zero, 71,4%), e 13 (Agire per il clima, 66,7%) mentre nei Goal 12 (Consumo e produzione responsabili) e 15 (La vita sulla terra) si molti indicatori peggiorano.
    In generale, i progressi riguardano il 48,1% degli indicatori per i quali sono disponibili le informazioni sull'ultimo anno (prevalentemente il 2018). Il 29,7% rimangono invariati e il 22,2% segnalano un peggioramento. Rispetto a 10 anni prima gli indicatori in miglioramento sono il 61,1%, il 17,8% risulta invariato e 21,1% peggiora.
    "Nel periodo 2010-2018 gli indicatori compositi elaborati per le tre dimensioni fondamentali che caratterizzano gli SDGs mostrano una tendenza generalizzata al miglioramento più accentuata per la parte ambientale e sociale rispetto a quella economica", sottolinea l'Istat.
    "Il costante miglioramento della dimensione ambientale - continua il testo - è stato trainato dai progressi nel settore dell'energia pulita e nel consumo responsabile mentre il miglioramento degli indicatori su salute e istruzione ha guidato il percorso positivo della dimensione sociale: tuttavia, per tutte e due le dimensioni si assiste a un rallentamento nell'ultimo anno".L'analisi dell'Istat degli
   indicatori di sviluppo sostenibile mostra progressi nel 48,1% degli indicatori per i quali sono disponibili le informazioni sull'ultimo anno (prevalentemente il 2018). Il 29,7% rimangono invariati e il 22,2% segnalano un peggioramento. Rispetto a 10 anni prima gli indicatori in miglioramento sono il 61,1%, il 17,8% risulta invariato e 21,1% peggiora. "Nel periodo 2010-2018 gli indicatori compositi elaborati per le tre dimensioni fondamentali che caratterizzano gli SDGs mostrano una tendenza generalizzata al miglioramento più accentuata per la parte ambientale e sociale rispetto a quella economica", sottolinea l'Istat. "Il costante miglioramento della dimensione ambientale - continua il testo - è stato trainato dai progressi nel settore dell'energia pulita e nel consumo responsabile mentre il miglioramento degli indicatori su salute e istruzione ha guidato il percorso positivo della dimensione sociale: tuttavia, per tutte e due le dimensioni si assiste a un rallentamento nell'ultimo anno"   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA