"Acqua, aria, terra: azioni quotidiane per la sostenibilità"

Il ministro Patuanelli all'evento ANSA: 'Recovery sull'acqua sarà un passo verso la civiltà'

Un "passo verso la civiltà". Definisce così il ministro delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli, gli 880 milioni stanziati dal recovery plan contro la dispersione idrica. Questo e gli altri passi necessari sono al centro dell'evento "Acqua, aria, terra: azioni quotidiane per la sostenibilità", secondo degli appuntamenti organizzati dall'ANSA sui temi della sostenibilità. L'evento, realizzato anche con la collaborazione di Enel, è stato trasmesso in streaming su ANSA.it e sui canali social dell'Agenzia

VIDEO

 

Per non sprecare l'occasione dei fondi europei, il ministro invita tutte forze politiche a "rinunciare a qualche piccola bandierina" e velocizzare la realizzazione dei progetti. È in gioco il nostro futuro, sottolinea il presidente dell'ANSA, Giulio Anselmi, ricordando che "futuro e sostenibilità sono sostanzialmente sinonimi"; una consapevolezza questa che si sta diffondendo, secondo i dati presentati dal direttore generale del Censis, Massimiliano Valerii.

Il 60% degli italiani fa la raccolta differenziata e oltre uno su tre evita oggetti in plastica monouso e fa attenzione ai consumi degli elettrodomestici. Ma la preoccupazione per la situazione economica (al primo posto per il 30% degli intervistati) supera anche quella per il clima, (19%): Valerii ricorda quindi che "la sostenibilità deve inclusiva e non relegata alle poche grandi aziende". Per raggiungere anche le aziende più piccole e convertirle all'economia circolare il presidente dell'Enea Federico Testa segnala che manca "una presenza generalizzata sul territorio" e propone una sorta di cabina di regia in collaborazione con l'Ispra-Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale.

Ma non basta cambiare i comportamenti delle aziende. Per questo padre Enzo Fortunato, direttore della Sala Stampa della Sacro Convento di Assisi, propone al direttore dell'ANSA Luigi Contu, che modera l'evento, un'indagine per "sollecitare e pungolare" 5 mila super ricchi perché adottino stili di vita sostenibili. Scelte, quelle di sostenibilità che riguardano i futuri consumatori come sottolinea il presidente del Consorzio del Prosecco Doc, Stefano Zanette, illustrando il progetto per ottenere una 'certificazione di sostenibilità' del prosecco e le collaborazioni avviate con l'università di Padova.

Il consorzio sta lavorando inoltre per la diffusione della Certificazione S.Q.N.P.I., Sistema Qualità Nazionale Produzione Integrata. Stretta collaborazione con gli istituti di ricerca e l'università anche per il direttore del servizio agricolo di Mutti, Ugo Peruch, che illustra gli strumenti 4.0 per contenere l'impronta idrica.Tra i progetti, quello in collaborazione con il Cnr di Parma per avere una misura sempre più accurata del livello di stress che hanno le piante per la mancanza di acqua e intervenire al momento giusto. Al raggiungimento della sostenibilità non solo ambientale ma anche sociale lavora Bolton group come spiega il global sustainable development director della business unit Food, Luciano Pirovano, rimarca l'importanza delle collaborazioni con ong come il Wwf e Oxfam sulle flotte di pesca e l'obiettivo di arrivare entro il 2024 ad avere il 100% del tonno Rio Mare proveniente o da aree certificate Marine Stewardship Council o da aree di pesca coinvolte in processi di miglioramento credibili e robusti. Sulla rivalorizzazione del territorio punta il Comune di Rosignano con Scapigliato, come spiega il presidente Alessandro Giari, al lavoro per "trasformare un vecchio impianto di discarica, nato negli anni '80, in un nuovo innovativo impianto tecnologico e avanzato". Il progetto vede la compensazione di 1.195.000 tonnellate di CO2 piantando in 13 comuni toscani circa 300.000 piante, soprattutto ulivi.

Gli interventi

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA