Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Legambiente,contro le rinnovabili leggi vecchie e burocrazia

Legambiente,contro le rinnovabili leggi vecchie e burocrazia

Sono 81 i contenziosi Mase-Mic alla Presidenza del Consiglio

RIMINI, 29 febbraio 2024, 11:30

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

In Italia strada in salita per i grandi impianti a fonti rinnovabili, "schiacciati" da ritardi, lungaggini autorizzative, conteziosi e da una normativa troppo vecchia e inadeguata, ferma al 2010. Lo rivela il rapporto "Scacco matto alle rinnovabili", presentato a Rimini alla fiera delle rinnovabili Key.
    Il report elenca 63 casi simbolo di blocchi alle rinnovabili, 20 dell'ultimo anno. Si va da 6 amministrazioni locali tra Veneto, Umbria, Marche e Basilicata che preferiscono poli logistici e industriali a parchi eolici o fotovoltaici, alle moratorie tentate o in programma come accade in Sardegna e Abruzzo, dove è intervenuta la Corte Costituzionale.
    C'è la simil moratoria della Sovrintendenza della Basilicata, che ha posto un vincolo paesaggistico di 10 km intorno al sito del Castello di Monteserico (Potenza), con esplicita preclusione alla realizzazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Ci sono poi i ricorsi al Tar tra Molise e Toscana, o i ritardi della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in Puglia, o della Sovrintendenza, nel Lazio.
    Per Legambiente i principali ostacoli che rallentano le rinnovabili in Italia sono una normativa troppo vecchia (le linee guida sono ferme dal 2010), le lungaggini autorizzative e i contenziosi fra i Ministeri dell'Ambiente e della Culura portati alla Presidenza del Consiglio per essere risolti, ad oggi 81. Poi ci sono il tema delle aree idonee (manca ancora il decreto) e i tanti contenziosi di Comuni, Regioni e cittadini.
    Nota positiva arriva dal lavoro dalle Commissioni Via-Vas e Pnrr-Pniec del Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza energetica che, nel 2023, hanno lavorato su 221 procedure autorizzative, per un valore di opere di oltre 13,5 miliardi di euro e una potenza di 10,5 Gw. Da segnalare l'impegno della Regione Campania, che ha sbloccato decine di progetti, e della Regione Calabria, che ha ordinato e semplificato le procedure di presentazione.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza