ANSAcom
ANSAcom

Becchetti, economia civile dà risposte ai problemi di oggi

Aperto a Firenze quarta edizione Fnec

Firenze ANSAcom

“L’economia civile non è filosofia, è qualcosa che dà risposte ai problemi di oggi attraverso un metodo che è quello della partecipazione, della cittadinanza attiva e delle cooperazione. C’è bisogno di raccontare a tanti cittadini che sono impauriti di fronte a quello che sta accadendo che esiste un modo diverso di fare economia, esistono delle buona pratiche e delle strategie per superare il caro bolletta che oggi affligge tutti quanti”. Lo ha detto Leonardo Becchetti, direttore del Festival e Co-fondatore di NeXt Economia, all’inaugurazione della quarta edizione dell’iniziativa che si è aperta stamattina a Firenze con il titolo ‘In buona compagnia. Per cercare, ricostruire, fare pace’.

Nato da un’idea di Federcasse che lo promuove insieme a Confcooperative, organizzato e progettato con NeXt e Sec, con il contributo di Fondosviluppo e Trenitalia come nuovo partner, il Festival nazionale dell’Economia civile si è ormai accreditato come un evento di particolare interesse su temi che pongono al centro l’uomo, il suo valore come individuo, il bene comune. Augusto Dell’Erba, presidente di Federcasse-Bcc ha sottolineato come “anche quest’anno il Festival ha rilanciato concetti legati alla buona compagnia, allo stare insieme, alla formazione; noi replichiamo un modello di società economica che ha l’intento di attuare i veri principi della mutualità”. Maurizio Gardini, presidente Confcooperative ha spiegato di essere a Firenze perché “vogliamo promuovere e realizzare un nuovo Umanesimo. Lo sviluppo senza regole non è sostenibile. Accentua le diseguaglianze e amplia le povertà. Le cooperative portano al Festival la capacità di rispondere, da una parte ai bisogni delle comunità e dall’altra a quella di dare lavoro”. Per Elena Granata, vicepresidente Sec, valorizzare l’individuo significa “dare attenzione alla persona, soprattutto nei momenti di fragilità: infanzia, adolescenza e anzianità. Dobbiamo aumentare l’attenzione verso i bisogni e i sentimenti degli individui, perché ognuno di loro non si deve sentire isolato”.

In collaborazione con:
Festival Economia Civile

Archiviato in


Modifica consenso Cookie