/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Aggressione pitbull: educatore, serve patentino per padroni

Aggressione pitbull: educatore, serve patentino per padroni

Violet, problema è sempre gestione da parte dei proprietari

PESCARA, 22 febbraio 2024, 17:52

Redazione ANSA

ANSACheck

"Il pitbull non è assolutamente un mostro. È un cane che ha le sue doti innate. È un cane nato per combattere altri cani, è stato creato dall'uomo con queste specifiche competenze. Il problema è tutto nella gestione. Per i proprietari di cani caratterizzata da una notevole aggressività ci vorrebbe un patentino". Lo dice all'ANSA l'educatore cinofilo Aldo Violet, commentando la vicenda del pitbull che stamani, a Montesilvano, ha ucciso un cane e ferito due donne.
    "Il pitbull - prosegue l'esperto - solitamente nei confronti degli umani non è un cane particolarmente aggressivo, lo è con gli altri cani. Occorre che i proprietari di cani di quel tipo adottino tutte le precauzioni del caso, per evitare che gli animali possano scappare, dando origine a situazioni come quella odierna".
    "Probabilmente - aggiunge - le persone ferite si sono intromesse e il cane, in quelle circostanze, non si rende conto di quello che sta facendo. Verso gli umani, infatti, non è un cane più aggressivo di altri. Il problema - conclude Violet - è tutto nella gestione da parte del proprietario".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza