Istat conferma, inflazione allo 0,5% ad aprile

Rallentamento dovuto all'energia e ai trasporti. Carrello della spesa accelera, +1,2%

 L'Istat conferma la stima dell'inflazione in rallentamento allo 0,5% ad aprile. L'indice nazionale dei prezzi al consumo aumenta dello 0,1% sul mese precedente e dello 0,5% su base annua (da +0,8% registrato a marzo). "Il rallentamento dell'inflazione - commenta l'Istat - , in parte frenato dall'accelerazione dei prezzi dei beni alimentari (da +0,5% di marzo a +1,3%), si deve prevalentemente all'inversione di tendenza dei prezzi dei beni energetici regolamentati (da +5% a -1,2%) e dei servizi relativi ai trasporti (da +2,5% a -0,7%)".

Gli aumenti dei prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona accelerano fino a triplicare ad aprile e passano dal +0,4% su base annua di marzo all'1,2%. Lo stima l'Istat. Su base mensile l'incremento è dello 0,4%. In particolare i prezzi dei beni alimentari accelerano la loro crescita su base annua (da +0,5% di marzo a +1,3%). Appaiono in rialzo soprattutto i prodotti lavorati e la frutta fresca (che passa dal +1% di marzo a +2%), su cui incidono fattori stagionali.

L'Istat rileva aumenti dei prezzi su base annua in quasi tutte le città con più di 150 mila abitanti e i capoluoghi di regione. Fanno eccezione solo Aosta, dove l'inflazione è pari a zero, e Messina (-0,1%), Ancona e Potenza (-0,3% per entrambe), che sono in deflazione. Bolzano è ancora una volta il capoluogo dove i prezzi presentano gli incrementi più elevati (+1,4%), seguito da Reggio Emilia e Reggio Calabria (+1,1% per entrambe).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who