Salone di Francoforte 2019, il futuro non è solo elettrico

Dal 12 al 22 settembre. I produttori auto si interrogano. Novità tedesche, con diesel puliti

Andrea Silvuni

L'edizione 2019 del Salone Internazionale dell'Automobile di Francoforte (12-22 settembre) si inaugura all'insegna dell'incertezzae dei dubbi sul 'distacco' dalle fonti energetiche tradizionali. Una condizione che frena l'acquisto delle auto, soprattutto nelle fasce alte e quindi più remunerative per l'industria. Lo confermano anche i dati sulle vendite nel mercato interno in agosto, sceso dello 0,8% (rispetto allo stesso mese del 2018) e un calo non solo per i diesel (-8,2%) ma anche per i modelli benzina (-2%) e per gli ibridi plug-in (-9,1%) a fronte di una crescita percentualmente elevata delle elettriche (+103,5%) ma limitate a 5.001 unità. Un segnale interessante - anche in funzione degli investimenti annunciati per ampliare la rete distributiva - è l'aumento dei modelli alimentati a metano, +183,7% in agosto.

Salone di Francoforte: guida all'edizione 2019

L'industria europea dell'automobile viaggia, in questo momento, su un nastro di asfalto costellato di buche (la guerra dei dazi, l'incognita Brexit) e di altre difficoltà inaspettate, come il rallentamento delle vendite degli EV in Cina e l'andamento non positivo dell'economia tedesca. Ma preoccupa anche il fatto che la tanto esaltata transizione verso l'elettrificazione della mobilità non si traduca ancora in una 'rivoluzione' del mercato. Come ha recentemente ribadito Max Warburton, analista della Salford C Bernstein "non esistono al momento studi di marketing che confermino che esiste la capacità di vendere le auto elettriche" assicurando, ad esempio, lo stesso successo che in pochi anni hanno avuto i suv.

 


Ad eccezione di Mercedes (+22%) non vanno bene nel mercato interno i grandi marchi tedeschi premium, con Audi che scende del 10,5% e Bmw che perde il 3%, ma lo stesso colosso Volkswagen (in attesa dell'arrivo della Golf 8 e della sua prima elettrica ID.3 che verrà svelata proprio al Salone di Francoforte) vede diminuire le sue vendite in agosto del 17,1%. Vanno invece bene in Germania (e non è un bel segnale) i brand più popolari e meno costosi: Dacia +20,8%, Hyundai +20,4%, Peugeot +17,9%, SsangYong +16,7%, Skoda +13,8% e Citroen + 12,2%. Un salone che già nella preparazione - con oltre 20 marche assenti - aveva evidenziato la criticità del momento e che nei quattro padiglioni occupati alla Frankfurt Messe (erano 8 quelli occupati nell'edizione 2017) vedrà la presenza (rimasti a casa tutto il Gruppo FCA e quello PSA, ad eccezione del brand tedesco Opel) solo tre le aziende non tedesche: la francese Renault (che attraverso l'Alleanza con Nissan e Mitsubishi ha comunque in atto una stretta collaborazione con la Daimler), la giapponese Honda e la britannica McLaren. Molti i temi all'ordine del giorno durante i convegni e le presentazioni a calendario.

Su tutte spicca il tema della elettrificazione e della transizione a questa soluzione di mobilità indicata 'irrinunciabile' ma non ancora accettata dal mercato. L'industria Ue ha investito somme enormi su questa svolta tecnologica, ma come ha ribadito l'Acea - l'associazione europea dei costruttori - sono le autorità nazionali a doversi fare parte attiva nella creazione delle strutture di ricarica e delle condizioni (vedi incentivi) che possono far decollare l'elettrico. Intanto, e molte Case hanno già 'cavalcato' questo trend, il diesel mostra una nuova e inaspettata vitalità. Quella che secondo molti esperti è ancora la soluzione più desiderata dei clienti, soprattutto nella fascia medio-alta e alta, può contare adesso su raffinate tecnologie di trattamento dei gas di scarico che abbattono dell'80% i famigerati ossidi di Azoto (NOx). A Francoforte le novità con la scritta 'gasolio' sul tappo saranno molte, forse più numerose di quelle con le prese elettriche. E questa volta, con l'entrata in vigore delle nuove norme sulle omologazioni e i controlli su strada RDE, sembra assolutamente credibile la previsione fatta da Stefan Hartung a capo del settore Mobility Solutions di Bosch che, guardando al 2030, pone le vendite dei veicoli con motore a combustione, di cui molti assistiti dall'elettrificazione, al 75% del totale mondo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Correlate